Centri commerciali aperti a Natale e Santo Stefano: M5S, follia figlia della mancata approvazione legge Dell’Orco -già approvata alla Camera-

Spadoni (M5S): inutile e ridicolo che Bertani (Pd) chieda una legge quadro quando il suo partito non ha voluto approvare la legge Dell’Orco che era già passata alla Camera

REGGIO EMILIA 20 DICEMBRE “La decisione di tre Conad provincial di tenere aperto nel giorno di Natale a Taneto, Bibbiano e Sant’Ilario e Santo Stefano (a Sant’Ilario d’Enza) è il frutto delle liberalizzazioni selvagge di Monti (votate da Pd-Forza Italia) e dalla scellerata scelta di Pd, Forza Italia, Lega di non approvare al Senato la legge a prima firma Movimento 5  Stelle con Michele Dell’Orco, già approvata alla Camera all’unanimità. Una legge di buonsenso che prevedeva 6 chiusure in giorni di festività su 12 come primo passo, perchè obiettivo del Movimento 5 Stelle è una legge che preveda le chiusure di centri commerciali ed esercizi comemmerciali in tutti i giorni festivi come Natale, Santo Stefano, Capodanno, Epifania, 25 Aprile, Pasqua e Pasquetta, Primo Maggio, 2 Giugno, Ferragosto, 1 Novembre, Festa dell’Immacolata. Per decenni la nostra vita ed economia è andata avanti senza problemi acquistando in altri giorni e godendoci le famiglie nei giorni di festa. E’ buonsenso”. “Inutile e ridicolo che Bertani (Pd) si lamenti è stato il suo partito a bloccare la legge già approvata alla Camera.

Maria Edera Spadoni , Movimento 5  Stelle cittadina alla Camera dei Deputati
Gian Luca Sassi, consigliere regionale Movimento 5 Stelle

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*