Spadoni (M5S), le ‘ombrelline’: “Dove sono finite le parlamentari PD? Nessuna dichiarazione?”

MANIFESTAZIONE SULMONA. SPADONI (M5S): “NESSUNA SCUSA DA PARTE DI #BONACCINI E D’ALFONSO E NESSUNA PRESA DI POSIZIONE DA PARTE DELLE PARLAMENTARI #PD. SCENA AGGHIACCIANTE CHE ESALTA LA CULTURA MASCHILISTA DELLA NOSTRA SOCIETÀ: VERGOGNATEVI”

Sono passate 24 ore dalla fine della manifestazione di Sulmona ‘Fonderia Abruzzo: laboratorio di idee nuove e visioni per il futuro’, al centro delle polemiche per le scelte infelici dell’organizzazione e dei suoi protagonisti: il Presidente della Regione Abruzzo (PD) Luciano D’Alfonso e il Presidente della Regione Emilia-Romagna (PD) Stefano Bonaccini.
“Una scena agghiacciante, di pessimo gusto, che riporta indietro nel tempo, esaltando ancora una volta la cultura maschilista della nostra società” commenta Maria Edera Spadoni, deputata reggiana del MoVimento Cinque Stelle. “Ingiustificabile il presidente della mia regione che non ha ancora preso le distanze chiedendo scusa a tutte le donne. Gravi anche le parole del Presidente abruzzese che si dichiara dispiaciuto per le critiche che reputa una semplice strumentalizzazione, facendo notare che ci sia stata una prevalenza degli ‘ombrelli’ sui temi affrontati. Non c’è peggior cosa che sottovalutare la trasmissione di un pessimo messaggio e di una pessima immagine: sette uomini comodamente seduti con dietro delle ragazze che tengono in mano ombrelli per fare ombra” continua la Spadoni. “Ancora sono in attesa di qualche dichiarazione da parte delle mie colleghe parlamentari del Partito Democratico e della Sottosegretaria Maria Elena Boschi. E’ molto facile propagandare le politiche di genere e poi non esporsi concretamente in queste occasioni. Messaggi sbagliati distruggono tante battaglie. Veniamo sempre ingiustamente accusati di essere dei demagoghi populisti. Ma forse il PD dovrebbe riflettere meglio sul suo operato e sui suoi dirigenti ” conclude la deputata 5 stelle.

 

L'immagine può contenere: 6 persone, persone sedute e tabella

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*