Tag Archives: ANCI Emilia Romagna

Sosteniamo i primi cittadini dell’ Emilia Romagna sulla questione rifiuti attuando un piano che riduca al massimo la presenza di inceneritori sul territorio. Il Ministro Orlando assicura che non ci saranno flussi di rifiuti a livello nazionale: chiediamo allora che questo venga messo per iscritto nel disegno di legge.

Il Movimento 5 Stelle ed il Comune di Parma non mollano la presa sulla questione dei rifiuti: sul piano regionale, dopo varie sollecitazioni dei Comuni alla Regione Emilia-Romagna attraverso ANCI, si è finalmente entrati in possesso della bozza di piano che presenta obiettivi di raccolta differenziata condivisibili. Mancano però obiettivi di progressiva dismissione degli impianti di incenerimento: si parla di ...

Read More »

No al disegno di legge di liberalizzare i flussi di rifiuti in tutto il territorio nazionale: Errani e Ministro Orlando non trasformerete Parma e l’ Emilia nella pattumiera d’ Italia. Nessuna risposta del Ministro e del Presidente dell’Emilia Romagna alla lettera di protesta di tutti i primi cittadini della Regione.

Diciamo con forza no al disegno di legge che prevede il possibile utilizzo degli inceneritori della regione per bruciare i rifiuti del territorio nazionale: il Movimento 5 Stelle contrasterà il progetto del Presidente della Regione Errani e del Ministro dell’ Ambiente Orlando in ogni sede istituzionale. Errani, dopo aver revocato l’incarico all’assessore regionale all’ambiente Sabrina Freda – colpevole probabilmente di ...

Read More »

Aboliamo la mini-Imu aumentando la tassazione ai concessionari del gioco d’ azzardo. Il Movimento 5 stelle raccoglie e sostiene l’ emendamento proposto dai sindaci ANCI dell’Emilia Romagna. Il Pd faccia lo stesso.

La battaglia per aumentare le tasse sul gioco d’ azzardo -ed evitare così a 12 milioni di cittadini di pagare la mini-Imu- si sposta alla Camera. Il Movimento 5 Stelle depositerà a mia firma l’emendamento proposto dai sindaci ANCI dell’Emilia Romagna. In Senato il Decreto- Imu è stato approvato perché il Governo Letta ha utilizzato norme parlamentari che non permettevano ...

Read More »