domenica 23 novembre in Emilia Romagna si voterà per le elezioni regionali.
Si tratta di elezioni ANTICIPATE a causa delle DIMISSIONI di #VascoErranidopo esser stato CONDANNATO per falso ideologico nell’ambito del processo relativo al finanziamento da 1 milione di euro alla coop agricola Terremerse, presieduta nel 2006 dal fratello Giovanni.
#ritroviamoilsenso è fondamentale
Il M5S, tra le altre, propone:

REDDITO DI CITTADINANZA REGIONALE, finanziato con tagli a grandi opere inutili di cementificazione come l’autostrada Cispadana e il Passante Nord a Bologna che costano milioni di euro.

FINANZIAMENTO DEL FONDO GARANZIA PICCOLE MEDIE IMPRESE CON TAGLI STIPENDI REGIONALI: i consiglieri lo faranno proprio come i parlamentari che hanno già versato 7,9 milioni di euro. I consiglieri regionali si tratterranno 2.500 e il resto andrà alle piccole medie imprese.

Taglio IRAP per imprese giovanili, per imprese che assumono e per le zone di Montagna e per quelle terremotate.

Per le zone terremotate ZONA FRANCA fiscale che proponiamo da tempo in Parlamento.

INCENTIVARE la RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA con tariffa puntuale -più- ricicli meno paghi- in tutta la REGIONE.

LOTTA CORRUZIONE E MAFIE: la legge regionale contro le infiltrazioni mafiose approvata nella scorsa legislatura con il contributo del M5S è troppo debole come avevamo già annunciato: serve più trasparenza per gli appalti e i controlli.

STOP CONSUMO SUOLO E STOP CEMENTIFICAZIONE. Per l’edilizia servono RISTRUTTURAZIONI non nuove case e colate di cemento (ci sono decine migliaia appartamenti e uffici sfitti).

Incentivare AGRICOLTURA DI QUALITA’, LOCALE KM ZERO, IL PICCOLO COMMERCIO con implementazione locale della legge nazionale contro le aperture domenicali indiscriminate.

DISSESTO IDROGEOLOGICO- Il M5S ne parla da anni. In Regione prima e poi in Parlamento da sempre dove sono state approvate in tempi non sospetti nostre mozioni rimaste per troppo tempo lettera morta. Lo dicevamo a Reggio, Bologna, Parma di smetterla di cementificare e fare invece MANUTENZIONE DELL’ESISTENTE PER PREVENIRE.

SANITA’ – Difesa della Sanità pubblica che in Emilia Romagna verrà tagliata dal governo Renzi per 400 milioni di euro. C’è da tagliare altrove non sulla sanità e servizi sociali.
Giulia Gibertoni Candidati Regionali M5S Provincia di Reggio Emilia

 — conGiulia Gibertoni.