ROMA, 28 FEBBRAIO- “Con l’arrivo in Aula della proposta di legge per la modifica delle norme che regolano il cosiddetto ‘ergastolo ostativo’ diamo seguito alle decisioni della Corte Costituzionale, mantenendo però delle regole molto ferree e rigide sulla eventuale concessione dei benefici penitenziari. Il mio auspicio è che questa proposta di legge sia approvata il prima possibile, nel rispetto dei tempi indicati dalla Corte Costituzionale” ha dichiarato la Vicepresidente della Camera dei deputati Maria Edera Spadoni e deputata del M5S.

“La proposta di legge prevede sia l’obbligo per il detenuto di dimostrare la propria estraneità all’organizzazione criminale di provenienza o ad altre organizzazioni, sia la competenza direttamente in prima istanza a un organo collegiale, ovvero il Tribunale di Sorveglianza, per le decisioni sulle richieste di accesso ai benefici penitenziari da parte dei detenuti condannati per reati legati alla mafia e al terrorismo. Queste misure, fortemente volute dal Movimento 5 Stelle, contribuiscono a non indebolire la normativa sull’ergastolo ostativo” continua.

“L’ergastolo ostativo, norma fortemente voluta da Falcone e Borsellino, è una misura fondamentale per il nostro ordinamento antimafia; di fronte alla criminalità organizzata non possiamo permetterci di abbassare la guardia né tantomeno di arretrare. Ringrazio i miei colleghi per il lavoro svolto e auguro buon lavoro a Mario Perantoni, presidente della commissione Giustizia e relatore del provvedimento” conclude Spadoni.