Mafia nigeriana, M5S: “Arresti della DDA confermano allarme anche in Emilia-Romagna”

Reggio Emilia, 18 Luglio – “Gli uomini e le donne della Polizia di Stato hanno attuato all’alba numerosi fermi di indiziato e di delitto nella nostra Regione, tra cui tre a Reggio Emilia nei confronti di soggetti appartenenti all’organizzazione mafiosa nigeriana chiamata Maphite. Le operazioni, coordinate dalla Direzione distrettuale antimafia della Procura di Bologna, si sono svolte anche in Piemonte. Tra i traffici illegali di questa organizzazione vi sono anche prostituzione e spaccio, quest’ultimo ha interessato le piazze di Parma, Modena e Bologna”. Lo affermano in una nota i parlamentari del Movimento 5 Stelle Davide Zanichelli, Maria Edera Spadoni, Maria Laura Mantovani e Gabriele Lanzi.

“La lotta contro le mafie è una nostra priorità e un punto ferma dell’agenda e dell’azione di questo Governo. Vi è una costante attenzione da parte delle nostre forze dell’ordine che giorno dopo giorno cercano di stroncare traffici criminali e malavitosi che tentano di insediarsi nel nostro Paese.

Proprio lo scorso febbraio – continuano i parlamentari- abbiamo approvato alla Camera dei Deputati una mozione in cui avevamo rilevato il serio e crescente problema legato alla criminalità nigeriana che negli ultimi anni si è subdolamente inserita nel nostro Paese risultando estremamente versatile e penetrante in diverse regioni italiane. Abbiamo chiesto al Governo, inoltre, un maggiore impegno per intensificare la cooperazione con gli Stati litoranei nordafricani e controllare il flusso di immigrati clandestini che cercano di arrivare nelle nostre coste”.

“Non possiamo abbassare la guardia. Qualunque forma di illegalità e criminalità va punita e debellata. Ringraziamo, infine, le Forze dell’Ordine che dal 2017 hanno svolto queste indagini contribuendo con il loro costante impegno a rendere questo Paese migliore”, concludono Zanichelli, Spadoni, Mantovani e Lanzi.

Qui il testo della mozione: 

https://www.camera.it/leg18/410?idSeduta=0134&tipo=atti_indirizzo_controllo&pag=allegato_b#si.1-00132

 

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. Inserire tutti i campi obbligatori *

*