Già a febbraio presentammo interrogazione immediata al Ministro Orlando che non fece nulla. Prossima settimana nuova azione parlamentare

“Il Governo non puo’ restare insensibile e fermo sul tema dello svolgimento del processo Aemilia a Reggio Emilia. Va immediatamente trovata una soluzione e fondi idonei con una compartecipazione di ogni istituzione. Il Movimento 5 Stelle già a febbraio raccolse l’appello dei magistrati di Reggio Emilia presentando un question time alla Camera e già allora il Ministro Orlando non diede risposte”. Così Maria Edera Spadoni e Giulia Sarti parlamentari del Movimento 5 Stelle sulle polemiche relative allo svolgimento “Il Ministero della Giustizia già allora non si fece carico del problema e per allestire l’udienza preliminare a Bologna è dovuta intervenire la Regione Emilia-Romagna stanziando 780.000 euro eppure la Giustizia è di competenza dello Stato non della Regione Emilia Romagna” continuano le parlamentari M5S. ” Ha ragione il presidente del Tribunale Caruso quando ricorda che “Reggio Emilia è in questa regione” – continuano Spadoni e Sarti – Questo processo riguarda in primo luogo la comunità di Reggio Emilia che deve prendere coscienza a fondo della gravità della situazione. Sarà nostra premura, chiedere al Ministro della Giustizia un intervento immediato. e già la prossima settimana verranno presentati gli atti istitituzionali idonei” concludono le parlamentari del M5S.