Reddito di Cittadinanza: M5S, “1.528 domande già ricevute nelle sedi INPS Reggiane”

M5S: si tratta dei primi dati parziali. Misura molto richiesta anche nelle regioni del Nord con Lombardia e Piemonte tra le più interessate

REGGIO 27 MARZO- “Sono 1.528 le domande per il Reddito di Cittadinanza già giunte alle sedi INPS reggiane. Si tratta di primi dati parziali di questa misura di aiuto, formazione e inserimento nel mondo del lavoro che si sta dimostrando molto richiesta anche nelle regioni del Nord tanto che tra le prime regioni per richiesta ci sono Lombardia e Piemonte””. Lo annunciano i deputati del MoVimento 5 stelle Davide Zanichelli e Maria Edera Spadoni e i Senatori Maria Laura Mantovani e Gabriele Lanzi.

“I dati sono aggiornati al 26 marzo – spiegano gli esponenti M5S – e si riferiscono, in particolare, alle domande pervenute agli sportelli INPS nella sede di Reggio Emilia 1.090, nella sede di Guastalla 300 e nella sede di Castelnuovo Ne’ monti 138.

“Ogni persona che vedrà esaudita la domanda riceverà un beneficio di massimo 780 euro al mese per integrare il reddito familiare e pagare gli affitti. La misura varata dal Governo, fortemente voluta dal MoVimento 5 Stelle che si batte su questa proposta dal 2011, permette inoltre di aiutare i beneficiari nella ricerca attiva di lavoro e d’inserimento sociale. Ne possono usufruire non soltanto i cittadini italiani ed europei, ma anche tutti coloro che risiedono legalmente in Italia da almeno 10 anni, di cui gli ultimi due in via continuativa. I dati sull’affluenza dell’Inps dimostrano che anche in una provincia tradizionalmente ricca come quella di Reggio servivano misure come questa, in grado sia di rilanciare l’occupazione e la formazione sia di contrastare la povertà e le diseguaglianze sociali, aiutando anche l’economia reale. Si ricorda infine che i beneficiari dal momento che il beneficio viene erogato tramite card, non potranno spendere le somme in azzardo come slot machine-vlt-scommesse etc. vera e propria piaga sociale ed economica anche nel reggiano” concludono i parlamentari del Movimento 5 Stelle.

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. Inserire tutti i campi obbligatori *

*